• Via Aurelia Nord, 100 – 58100 Grosseto - Italia
  • Email: info@proatec.com
  • Inglese
  • Francese
  • Italiano
  • Spagnolo

2. Formazione di funzionari pubblici e leaders di organizzazioni della società civile che operano nel settore della giustizia in Guatemala

Referenze

  • Nome Progetto: Formazione di funzionari pubblici e leaders di organizzazioni della società civile che operano nel settore della giustizia in Guatemala
  • Committente : Unione Europea
  • Luogo : Guatemala
  • Periodo : 2014-2016

Descrizione

L’obiettivo del contratto é il miglioramento delle capacità professionali dei funzionari pubblici e delle organizzazioni della società civile operanti nei settori della giustizia e della sicurezza, attraverso seminari, conferenze, diplomati, masters, intercambio di esperienze e pubblicazioni, al fine di ottenere una maggiore ed effettiva efficacia nelle funzioni che svolgono in favore della cittadinanza per una giustizia più coordinata, accessibile e trasparente.

Risultati attesi

1. Si è migliorato l’accesso alla giustizia delle vittime di delitti così come il processo di attenzione integrale alle stesse,  con miglioramenti nei servizi di traduzione legale e perizie culturali, attraverso il rafforzamento delle capacità dei giudici, procuratori, difensori pubblici e professionali coinvolti nell’attenzione alle vittime.

2. Si dispone di periti altamente qualificati che redigono rapporti affidabili nella investigazione di crimini in tempi adeguatamente corti, e che in collaborazione con i professionisti del MP e della PNC ugualmente formati, contribuiscono alla soluzione di un maggior numero di casi irrisolti, delitti contra la vita o casi di corruzione, permettendo un aumento dei casi relativi alle strutture criminali  perseguite.

3. E’ stato rafforzato il Sistema Penitenziario attraverso la formazione dei suoi funzionari, conseguendo un maggior numero di condannati che beneficiano di programmi di riabilitazione, rieducazione e reinserimento sociale.

4. E’ stata rafforzata la capacità tecnica dei Delegati della Unità di Prevenzione Comunitaria contra la Violenza e delle Commissioni di Prevenzione della Violenza, permettendo la messa in opera di piani di prevenzione della violenza  favorendone l’intervento a livello territoriale. Allo stesso tempo si dispone di giornalisti e comunicatori formati, che nel processo di informazione relativo a fatti violenti, lo fanno con rispetto ai diritti delle vittime, specialmente dei minorenni e delle persone processate.